Cerca nel blog

agosto 12, 2017

The Help - Kathryn Stockett



Ciao a tutti,

in questo post vi voglio parlare di un libro che ho finito di leggere da poco. Si tratta di The Help di Kathryn Stocket.

[ho scelto di pubblicare la copertina del libro prima del film perché ha un certo significato ed esprime molto. Chi ha letto il libro penso che capirà]


Trama 
"È l'estate del 1962 quando Eugenia "Skeeter" Phelan torna a vivere in famiglia a Jackson, in Mississippi, dopo aver frequentato l'università lontano da casa. Skeeter è molto diversa dalle sue amiche di un tempo, già sposate e perfettamente inserite in un modello di vita borghese, e sogna in segreto di diventare scrittrice. Aibileen è una domestica di colore. Saggia e materna, ha allevato amorevolmente uno dopo l'altro diciassette bambini bianchi, facendo le veci delle loro madri spesso assenti. Ma il destino è stato crudele con lei, portandole via il suo unico figlio. Minny è la sua migliore amica. Bassa, grassa, con un marito violento e una piccola tribù di figli, è con ogni probabilità la donna più sfacciata e insolente di tutto il Mississippi. Cuoca straordinaria, non sa però tenere a freno la lingua e viene licenziata di continuo. Sono gli anni in cui Bob Dylan inizia a testimoniare con le sue canzoni la protesta nascente, e il colore della pelle è ancora un ostacolo insormontabile. Nonostante ciò, Skeeter, Aibileen e Minny si ritrovano a lavorare segretamente a un progetto comune che le esporrà a gravi rischi. Il profondo Sud degli Stati Uniti fa da cornice a questa opera prima che ruota intorno ai sentimenti, all'amicizia e alla forza che può scaturire dal sostegno reciproco. Kathryn Stockett racconta personaggi a tutto tondo che fanno ridere, pensare e commuovere con la loro intelligenza, il loro coraggio e la loro capacità di uscire dagli schemi alla ricerca di un mondo migliore."
La Scrittrice

Kathryn Stockett è nata e cresciuta a Jackson , in Mississipi [dove tra l'altro è anche ambientato il libro]. Dopo la laurea in letteratura di trasferisce a New York e The Help è la sua prima opera [libro pubblicato in Italia nel 2009]. Come si può capire dai ringraziamenti alla fine del libro, ci sono dettagli nel libro che hanno preso ispirazione dalla vita della scrittrice e personalmente mi ha fatto un certo effetto, sono riuscita a rendere ancora più reali certi dettagli. 
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
  "Siamo semplicemente due persone,
e non sono molte le cose che ci separano.
Molte meno di quanto si pensi."

Cosa ne penso io ? Nel complesso è un libro che mi è piaciuto molto. Ci sono volute tante pagine affinché mi affezionassi ai personaggi,ma è capitato e leggere la parte finale è stata un'emozione!

Si parla di amicizia, di rapporti coniugali, di difficoltà, di discriminazione,di differenze (io vorrei dire,esistenti solo nella testa delle persone) e di tanto coraggio. Oh si, di coraggio in questa storia ce n'è a tonnellate ed è ciò che guida le protagoniste. Un coraggio e una voglia di cambiare che inizialmente loro stesse non ammettono di avere. 

"La prima volta che mi sentii dire che sono brutta avevo tredici anni. Fu uno degli amici ricchi di mio fratello Carlton, venuto a tirare con il fucile nei campi. "Perché piangi, piccola?" mi domandò Constantine in cucina. In un fiume di lacrime, le raccontai quello che mi aveva detto il ragazzo. "E allora? Lo sei?". Io sbattei le palpebre e smisi per un attimo di piangere. "Sono cosa?". "Adesso stammi a sentire, Eugenia."......"Brutta vuol dire che sei brutta dentro. Brutta è una persona che fa del male, che è cattiva. Tu sei una di quelle?" . "Non so. Non credo" dissi tra i singhiozzi.
Costantine si sedette accanto a me al tavolo di cucina. Sentii scricchiolare le sue giunture rigide. Premette con forza il pollice sul palmo della mia mano, gesto che significava, come sapevamo entrambe, "Ascolta. Ascoltami bene".  "Tutte le mattine, finché non sarai sottoterra, bisogna che tu prenda questa decisione." Costantine era così vicina che potevo vederle le gengive scure. "Bisogna che chiedi a te stessa: 'Oggi voglio credere a quello che mi dicono 'sti stupidi'? ' "

Leggendo questo libro purtroppo ho potuto associare molte cose al presente e ho pensato a quanto questo mondo abbia bisogno di un cambiamento, di quanto certe persone devono uscire dal proprio piccolo mondo e guardarsi intorno e iniziare a interessarsi a ciò che le circonda. Si, perché se ognuno di noi, nel piccolo, fa qualcosa, prima o poi qualcosa cambierà e i miglioramenti ci saranno. 

"Abbiamo fatto una cosa coraggiosa e giusta, e forse lei non vuole rinunciare a tutto quello che succede a una persona quando fa qualcosa di coraggioso e giusto. Anche le cose cattive, nel caso"

Detto ciò, non voglio prolungare questo discorso, ma mi resta solo consigliarvi la lettura di questo libro. Sicuramente saprete che c'è anche il film, ma non l'ho ancora visto. Voi avete letto il libro o avete guardato il film? Quali sono le vostre opinioni? A presto.






2 commenti :